SOTTORETEPERCASO - ASD Pallavolo Rho

ASD Pallavolo Rho
ASD Pallavolo Rho
1975 - 2020 45° ANNO
Vai ai contenuti

La scelta ... discutibile

ASD Pallavolo Rho
Pubblicato da Pallavolo Rho in News · 18 Ottobre 2020
Non ce ne vogliano gli appassionati di tennis. La foto è solo per rappresentare la soluzione adottata per affrontare un problema di ben altre dimensioni.
 
Dopo l'emanazione di Protocolli su Protocolli, generici e specifici per attività sportive, dopo l'adozione di questi protocolli, che alle società sportive è costata grandi sforzi, organizzativi ed economici, ecco la "piccola" soluzione al "grande" problema.
 
FERMIAMO LO SPORT DI BASE.
 
Non importa se i mezzi di trasporto sono sovraffollati. Non importa se nelle strade e nelle piazze ci sono assembramenti. Non importa se chi potrebbe comodamente lavorare da casa è obbligato ad andare in azienda perché il "capo" deve "avere il controllo visivo" dei suoi sottoposti.
 
Invece di incrementare il trasporto pubblico, utilizzando mezzi e risorse di centinaia di imprese di trasporto turistico che, purtroppo, non stano lavorando.
 
Invece di mettere in condizione (legislativa e di risorse) le forze di pubblica sicurezza di impedire gli assembramenti, anche in luoghi pubblici aperti.
 
Invece di emanare una direttiva nel mondo del lavoro che "obblighi" all'utilizzo del lavoro da casa in tutti i casi in cui sia possibile farlo, senza limitazioni o variazioni (riduzioni) di stipendio e di benefit, che cosa decidono di fare?
 
Di fermare l'attività sportiva dilettantistica.
 
Risultato?
 
Migliaia di giovani in età adolescenziale, ma anche appena maggiorenni, dovranno trovare un'alternativa allo sport.
 
Alternativa che non li appassionerà come essere in palestra, sul campo o in piscina, ma che potrebbe portarli in situazioni "scomode".
 
La stragrande maggioranza di questi ragazzi, e dei loro genitori, saprà gestire la situazione, ma alcuni potrebbero trovare, fuori dalla palestra, una via "alternativa".
 
Al di là della passione per il proprio sport, che sembra non interessare a nessuna delle nostre grandi menti pensanti, togliere ai ragazzi "l'impegno sportivo" li obbligherà a cercare delle soluzioni, che, nella migliore delle ipotesi, sarà di ritrovarsi tutti insieme e, per ironia della sorte, concorrere alla diffusione del virus.
 
Come società sportiva ci atterremo alle indicazioni della nostra Federazione, ma riteniamo che una valutazione e delle soluzioni di ben altro profilo siano assolutamente necessarie per consentire alla nostra Regione e al nostro Paese di uscire da questa emergenza sanitaria.



Torna ai contenuti